CONTRO CAROVITA E SPECULAZIONE. RIPARTONO I GAP SABATO 18 SETTEMBRE RIUNIONE NAZIONALE A FIRENZE

4 09 2010

 

 

La crisi non si ferma, anzi come diciamo da molto tempo la crisi sociale è solo all’inizio per gli effetti che provocherà sulla vita di milioni di cittadini europei. In questi anni i GAP, i gruppi di acquisto popolare hanno lavorato sul terreno del carovita denunciano la perdita di potere di acquisto di salari e pensioni ed hanno lavorato per costruire interventi diretti contro il carovita e la speculazione.

Questo lavoro ci ha portato a conoscere non solo una povertà invisibile nei quartieri popolari ma ci ha dato modo d’incontrare produttori locali di frutta e verdura massacrati dalla logica del mercato e della grande distribuzione.

Accorciare la filiera è diventato per noi un modo per combattere la rendita e la speculazione, per aprire una discussione sulla questione della sovranità alimentare, per delineare una proposta politica in questa direzione nel mentre affrontiamo il terreno della risposta diretta ai bisogni delle classi popolari.

Il 18 settembre i GAP si ritroveranno a alle ore 15.00 a Firenze per discutere di alcuni punti fondamentali del nostro  lavoro.

 – La costruzione di un paniere di prodotti a livello nazionale.

– il rilancio di una campagna nazionale contro il carovita e la speculazione per la sovranità alimentare

– la costruzione di un comitato scientifico

– l’adesione alla Rete per l’Autorganizzazione Popolare che verrà lanciata sempre a Firenze la mattina successiva.

per info: gaplaspezia@gmail.com

Annunci




GAP-PRC: “C’è chi fa chiacchiere e chi i fatti, oggi distribuiti 100 kg di pane ad 1 euro “

15 04 2010

“Ormai i GAP (gruppi di accquisto popolare) promossi da Rifondazione Comunista sono una realtà, distribuiti questa mattina 100 kg di pane ad euro al kg contro la crisi ed il carovita. C’è chi fa le chiacchiere,c’è chi va ad incontrare la gente e ad ascoltare i loro bisogni solo durante le elezioni e c’è chi,come noi,ogni 15 giorni organizza questo tipo di iniziative per dire che la crisi la devono pagare i padroni ed i banchieri e non coloro che non riescono ad arrivare alla fine del mese. E’ una vergogna che Confindustria e il Governo vogliano far pagare la crisi ai lavoratori, ai precari, alle donne, ai migranti. Ad un attacco complessivo di queste proporzioni, la risposta necessaria è allora quella di una vertenza generale immediata, che sappia difendere posti di lavoro, salari, pensioni, servizi sociali e garanzie democratiche. Noi andiamo avanti con questa iniziativa che nasce dal basso a sinistra e non intende polemizzare con le associazioni di categoria o contestarne l’operato bensì si pone come obiettivo quello di fornire risposte concrete ai bisogni della gente , di spezzare l’isolamento in cui spesso vive chi è colpito dalla crisi elevando così il disagio individuale in disagio sociale”.

gaplaspezia@gmail.com

www.rifondazionelaspezia.it





Gap/Prc “Il governo delle contraddizioni continua a dormire,mentre noi sabato distribuiamo ancora pane ad 1 euro al kg”

9 04 2010

 

Rifondazione Comunista della Spezia e i G.A.P ripartono dalla distribuzione di quasi 500 kg di pane ad un euro al chilo contro la crisi ed il carovita e contro la speculazione sui beni di prima necessità.  Sabato ritorniamo in piazza,distribuiremo pane ad euro al Kg contro crisi e carovita in Piazza Brin dalle ore 9:00 alle ore 12:00
 
Mentre gran parte del dibattito politico si concentra sulle grandi riforme utili solo a Berlusconi, la situazione sociale del paese peggiora quotidianamente ed i costi della crisi continuano a pagarli i lavoratori dipendenti e precari, pensionati e disoccupati. Una crisi che è anche di produzione e che in Italia coinvolge a partire dal settore agricolo molti produttori strangolati dalle dinamiche di mercato.
 
Abbiamo toccato con mano questa situazione di crisi parlando con moltissime persone comuni, semplici cittadini, operai, casalinghe, migranti, studenti e pensionati che in questi tre mesi di GAP sono venuti ai nostri banchetti ed hanno elogiato la nostra iniziativa.
 
Abbiamo iniziato con il pane innanzitutto per l’alto valore simbolico di questo alimento essenziale, combattendo la bolla speculativa attorno al grano e derivati: il grano è quotato in borsa, dove si specula su un elemento vitale per l’uomo, mentre il governo dovrebbe garantirne l’accesso a chiunque.
 
I Gruppo d’ Acquisto Popolare mirano proprio a raggiungere tale scopo, dimostrare che può esistere un commercio a prezzo stabilito tra le parti (produttore e consumatore), un commercio in cui chi produce e chi consuma hanno un rapporto diretto e di fiducia.
 
Dalla crisi si esce attraverso un nuovo modello di sviluppo che punta alla minor produzione, ridistribuzione del reddito e tutela dei lavoratori. L’economia riparte se il cittadino ha potere d’acquisto e se lavoro e stipendio sono garantiti: a tutto ciò il governo (in cui è presente anche il nuovo partito “paladino” dei cittadini, la Lega Nord) è sordo e cieco e per nascondere il suo disinteresse nei confronti della gente fomenta odi sociali.
 
GAP LASPEZIA //RIFONDAZIONECOMUNISTA  ww.rifondazionelaspezia.it





Finalmente anche alla Spezia i GAP (Gruppi di acquisto popolare)!

2 02 2010

 

Resistere al Carovita serve come il Pane!

Contro il caro vita, al fianco della gente schiacciata tra la crisi economica e le speculazioni sui prezzi dei beni al consumo, SABATO 6 FEBBRAIO IN PIAZZA BRIN DALLE 10 ALLE 12,00 , distribuzione di pane di qualità ad 1 € al Kg.

Il pane, acquistato dagli organizzatori contrattando il prezzo direttamente con il produttore , verrà distribuito, senza che vi sia ricarico alcuno, a tutti coloro che lo richiederanno.

 Iniziative di questo tipo si stanno susseguendo in tutto il nostro paese dando vita ad una rete di solidarietà e sostegno concreto a pensionati, operai e a tutti quelli che quotidianamente si trovano ad affrontare il dramma di non arrivare alla fine del mese.

Ma non solo, attraverso queste azioni concrete il Partito della Rifondazione Comunista rinsalda  la sua forza e la sua vocazione di partito sociale che attraverso l’autorganizzazione e la solidarietà tenta di ribaltare i rapporti di forza dentro la società.

 L’azione dei GAP non è demagogia ma, al contrario è azione concreta che non intende polemizzare con le associazioni di categoria o contestarne l’operato bensì si pone come obiettivo quello di fornire risposte concrete ai bisogni della gente , di spezzare l’isolamento in cui spesso vive chi è colpito dalla crisi elevando così il disagio individuale in disagio sociale.

 Nessuno, infatti, oggi si occupa della crisi sociale che attraversa il nostro paese; non lo fa il Governo che si preoccupa di tutelare i forti e non vuole sentire le ragioni dei più deboli e non lo fanno le amministrazioni locali, ben vengano quindi i GAP !

  Stefania Novelli: Gap La Spezia





Ricciardi(Prc La Spezia)“Anche alla Spezia nascono i GAP domani pane ad 1 euro in Piazza Brin e Piazza Mentana contro il carovita”

18 12 2009

LA SPEZIA – Anche nella nostra città nascono i GAP (Gruppi di Acquisto Popolare) per resistere al carovita e per dire no alla speculazione sui generi di prima necessità. L’iniziativa dei Gruppi di Acquisto Popolare nasce a Roma dal Prc e da Action e cerca di rompere il ricatto per il quale se non si arriva alla fine del mese si è costretti a consumare prodotti di bassa qualità. Sulla crisi sociale il governo Berlusconi fa solo degli spot, mentre la nostra iniziativa nasce basso e tende a fornire una risposta concreta sul versante sociale.

Questa iniziativa, che verrà riprodotta nel tempo cercando di ampliare il paniere ad altri prodotti come la pasta, il latte e la passata di pomodoro, comincerà domani mattina in due piazze spezzine Piazza Brin e Piazza Mentana. Distribuiremo oltre 100 chili di pane a un euro al chilo fino a esaurimento scorte.

Tutti possono aderire ai GAP: per informazioni invito tutti coloro che ne sono interessati a visitare il nostro blog http://www.gaplaspezia.wordpress.com o scriverci a gaplaspezia@gmail.com.





Si parte!

17 12 2009

Venerdì 17 dicembre, alle ore 11.30 presso la sala dei gruppi consiliari del Comune della Spezia, verrà presentata la campagna “Pane a 1 euro“, del neonato Gruppo di Acquisto Popolare di Rifondazione Comunista.

L’iniziativa è promossa dalla federazione spezzina del PRC che intende lanciare la forma del partito sociale come strumento di aiuto concreto alle persone colpite dalla crisi economica.

“Distribuiremo periodicamente il pane a 1 euro al chilo nelle piazze spezzine e cominceremo sabato 19 dicembre da Piazza Brin e Piazza Mentanadichiara Massimo Lombardi, responsabile movimenti della segreteria spezzina del PRC.

“I G.A.P. sono una realtà organizzata da Rifondazione Comunista in tutto il territorio nazionale, siamo felici di poter annunciare anche alla Spezia la loro nascita e di spiegare nel dettaglio il loro funzionamento”.